L’informazione ci rende liberi !

 L’elettrosmog: cos’è?

 

L’inquinamento elettromagnetico, definito anche elettrosmog, è la contaminazione dell’ambiente da parte di campi elettromagnetici artificiali. Questi campi sono generati da una varietà di sorgenti, tra cui:

Impianti elettrici: linee elettriche ad alta tensione, elettrodomestici, computer, smartphone e altri dispositivi elettronici.

Impianti di telecomunicazione: antenne radio e televisive, ripetitori di telefonia mobile, Wi-Fi.

Impianti industriali: forni a microonde, macchinari per la saldatura, sistemi di radiofrequenza.

 

Salute umana

L’esposizione prolungata a campi elettromagnetici può avere diverse conseguenze negative sulla salute umana, tra cui:

Effetti termici: aumento della temperatura corporea, soprattutto a livello di testa e occhi.

Effetti non termici: mal di testa, disturbi del sonno, stanchezza, irritabilità, difficoltà di concentrazione, possibili danni al DNA e al sistema riproduttivo.

I rischi per la salute umana sono ancora oggetto di studio e dibattito scientifico. Tuttavia, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Salute) ha classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza nel gruppo 2B, ovvero tra i “possibilmente cancerogeni per l’uomo”. Questo campo specifico indica anche i cellulari in quanto emettono radiofrequenze dai satelliti che, se troppo vicini, danneggiano l’uomo.

 

Come ridurre l’inquinamento elettromagnetico

Esistono diversi misure che possono essere adottate per ridurre l’esposizione all’inquinamento elettromagnetico:

Limitare l’uso di dispositivi elettronici: spegnere i dispositivi quando non vengono utilizzati, utilizzare la modalità aereo quando possibile, tenere i dispositivi lontano dal corpo.

Aumentare la distanza dalle sorgenti di inquinamento elettromagnetico: non dormire vicino a prese elettriche o elettrodomestici, allontanarsi dalle antenne di telefonia mobile.

Utilizzare schermature: utilizzare schermi per computer e cellulari, installare tende anti-elettrosmog nelle abitazioni.

E’ importante sottolineare che non esiste un livello di esposizione sicuro a zero. Tuttavia, adottando le opportune precauzioni è possibile ridurre il rischio di potenziali danni alla salute.

 Vuoi approfondire l’argomento?

Sabato 3 febbraio ci sarà un incontro che fa parte del programma “Scopriamo i rischi legati ad elettrosmog, 5G, Wi-Fi, geopatie e campi elettrici“. L’evento svolgerà presso Villa Sole Eventi, Trana, Borgata Merlo (TO) dalle ore 17:00. Vi aspettiamo!

 

 

Scopriamo i rischi legati ad elettrosmog, 5G, wifi, geopatie e campi elettrici - 3 Febbraio ore 17:00
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.